Che cos’è l’Italicum?

L’italicum è una legge elettorale, cioè regola la composizione del parlamento dopo il voto delle elezioni politiche.

L’Italicum nasce da una proposta di legge popolare del 2009, riesaminata dalla Camera dei deputati nel 2013 su pressione del Premier Renzi. Nel 2015, dopo diverse discussioni in parlamento, viene approvata. Ma è ancora incompleta e dovrà essere ultimata , per consentire agli italiani di andare a votare.

Che cosa prevede?

  • Premio di maggioranza: chi ottiene più del 40% dei voti al primo turno, prende 340 seggi su 630 della Camera dei deputati. I restanti 290 seggi saranno assegnati agli altri partiti, in base alle percentuali ottenute da ciascun partito. Se nessun partito raggiunge il 40% si procederà a un ballottaggio (cioè si tornerà a votare ancora pochi giorni dopo) tra i due partiti con il maggior numero di voti.
  • Soglia di sbarramento: non potranno entrare in parlamento i partiti con meno del 3% dei voti.
  • Liste: i deputati eletti nelle liste vengono distribuiti sul territorio in base ai voti ricevuti nelle singole regioni e nei collegi, le preferenze per i capi lista sono bloccate. Ma dal secondo candidato sulla lista gli elettori potranno esprimere una preferenza.
  • Voto di genere: ogni elettore potrà esprimere al massimo due preferenze: in questo caso dovrà votare per una donna e per un uomo. Oppure potrà esprimere una sola preferenza o nessuna

Licenza Creative Commons

Annunci