Secondo gli esperti, oggi l’energia solare ha costi inferiori all’utilizzo del carbone in molti paesi del mondo.

Nel 2016 infatti Cile e Arabia Saudita hanno generato energia solare per meno di 3 cent per kilowattora, cioè meno della metà del costo medio per la stessa quantità di energia fornita utilizzando carbone.

Compagnie in tutto il mondo, tra cui l’italiana Enel, ispirate da questi risultati, intendono investire per migliorare le performance del Solare e ridurre ulteriormente i costi.

Dal 2009 il costo del solare è sceso del 62%, e, secondo l’agenzia Bloomberg New Energy Finance, entro il 2025 il Solare sarà più economico del carbone e di qualsiasi altra fonte di energia, come si può vedere dal seguente grafico.

bloomberg-solar

Dal grafico si può notare come il Solare diventerà più economico dell’energia termoelettrica (CCGT) per il 2020, più economico del carbone (coal) per il 2025 e infine supererà per convenienza anche l’eolico (wind) intorno al 2030.

Il calo progressivo del costo dell’energia potrebbe migliorare nettamente la capacità produttiva delle industrie e ridurre il rischio di insolvenza dei prestiti, se i costi per le imprese sono inferiori. Questo potrebbe avvantaggiare gli imprenditori che potrebbero ottenere prestiti dalle banche più facilmente, e a tassi di interesse inferiori.

Diverse organizzazioni si sono espresse positivamente riguardo al futuro:

  • La GTM Research, si aspetta che negli Stati Uniti il prezzo dell’energia passi da 1$ a watt a 75 cents per il 2021.
  • Anche la  International Energy Agency ha dichiarato di attendere un calo dei costi dell’energia del 25% nei prossimi 5 anni.
  • La International Renewable Energy Agency infine, predice che il costo del Solare si ridurrà di una percentuale tra il 43% e il 65% entro il 2025.

L’industria del carbone però, smentisce tutto.

Benjamin Sporton, direttore dell’Associazione Mondiale del Carbone (World Coal Association) ha dichiarato in merito alla questione:

«Le economie avanzate richiedono energia 24 ore su 24. L’eolico e il Solare possono generare solo energia intermittente, per una parte della giornata. Se è vero che le tecnologie rinnovabili hanno raggiunto grandi risultati in termini di riduzione dei costi negli ultimi anni, è importante guardare i costi dell’intero sistema.»

Secondo Sporton quindi, considerando i costi connessi al fatto che l’energia solare e quella eolica dipendono dalle condizioni climatiche e meteorologiche, il carbone resterà la fonte di energia più economica ancora per moltissimo tempo.

Di Andrea Bergonzi

Licenza Creative Commons

Annunci